il giardino di enzo

E' grande, pieno di vita, fiori, alberi, animali, uomini, donne

un luogo vario

domenica 5 dicembre 2010

o paste o ragù


ingredienti:
- 1 carota e mezzo
- 2 cipolle medio piccole
- 3 costine di sedano un po' sfigate
- 536 g. di macinato "andante"
- 2 salsicce (metà di una ai cani)
- 75 g. doppio concentrato
- due bicchieri di vino rosso
- latte

eccipienti: acqua calda (per il doppio concentrato)

Tritare le verdure e farne un battuto, non finissimo, da fare "andare" per una decina di minuti in olio evo e un pezzetto di burro, a fuoco moderato, in una casseruola grande antiaderente.
Aggiungere le salsicce a pezzettini e farle soffriggere per una decina di minuti, alzando leggermente la fiamma. Quando il loro grasso si sarà sciolto aggiungere il macinato e alzare il fuoco al massimo, girare spesso la carne aggiungendo tre foglie di alloro, sale, pepe, spezie a piacere. Dopo un quarto d'ora aggiungere il vino e sfumare il tutto.
A questo punto si unisce il doppio concentrato, precedentemente diluito in acqua a bollore. Mescolare bene e aggiungere un bicchiere e mezzo di latte.
Fare cuocere per due ore almeno (aggiungere del latte o del brodo se necessario).

posologia: 1 volta, la domenica.

32 commenti:

Anonimo ha detto...

aloa cotto e mangiato..o cotto e bollito semmai.
aras

il giardino di enzo ha detto...

Era parecchio buono.
Purtroppo non trovo mai i fegatini di coniglio, mannaggia!
Baci Aras

Carlo ha detto...

... che leccornia!! Ciao Paolo e buon pomeriggio! Dunque, sembrerebbe la stessa "ricetta" che seguo io. Dico sembrerebbe, perché contiene un ingrediente inedito per me: il latte! E' indispensabile, il prossimo fine settimana che per me si annuncia lunghissimo e che parte da mercoledì, sperimentare immadiatamente!

Necessito, però, di un ulteriore chiarimento: uso, naturalmente, macinato e sedano come te ma se sapessi cosa sono le costine di sedano "sfigate" ed il macinato "andante" sarei più tranquillo nell'acquisto degli ingredienti!!!

Infine, non ho un cane... ma la mia Stella, sarà ben felice di questo tuo post mangereccio!!

Ora, però, a furia di guardare la foto, mi è venuta fame!! Quindi, ti auguro una buona serata e vado a fare un "merendino"... crostata con marmellata di mele (marmellata fatta in casa) e corbezzolo (raccolti dal nostro albero)! La mia vicina, per le crostate è divina!!

il giardino di enzo ha detto...

Grande Carlo! Anche per me l'aggiunta di latte è stata la prima volta; girottolando in qua e in là alla voce "ragù" ho trovato spesso il latte fra gli ingredienti e, poiché il mio generalmente tende ad avere poca cremosità, ho sposato l'aggiunta e ne sono contento assai.

Costine di sedano sfigate: sono il sedano, un po' acciaccato dall'età.
Il macinato "andante" è quello non di prima scelta, troppo magro per un buon ragù. Deve presentare un po' di grasso nel composto.
Un suggerimento: se ti piace e ne trovi, un fegato di coniglio ci sta troppo bene, da aggiungere tritato a coltello insieme al macinato.

Stella si leccherà i baffi, la salsiccia cruda è una delle cose più ghiotte. Micha invece è un po' di bocca difficile (a Pisa si dice "bocchina di ieri") e non le piace.
Mah!

Bella merenda da diabetici anche la tua :))))
La tua vicina mi sta simpatica.

Molte cose a te

Sara ha detto...

Qua bisogna organizzarci....cagnetti compresi e si fa una bella trasferta!

il giardino di enzo ha detto...

Si Sara, spero che la buona stagione sia foriera (o fiorera!) di trasferte.
Salutovic a voi!

rosa ha detto...

Bravo Paolo, ottimo il procedimento e l'aggiunta del latte è fondamentale...
...ero imbattibile nella preparazione del ragù...anni fa' prima di diventare vegetariana...

Ora però preparo degli ottimi ragù di soia o meglio ancora di seitan per delle lasagna strabuone...da cader per terra!

Parola di ospiti carnivori!

Abbraccione forte
Namatè

m. ha detto...

..ma è la mia pentola,
quella??

il giardino di enzo ha detto...

@ Rosa: mi cimenterò con il ragù di soia, già sperimentato da mio padre una trentina di anni fa (!!). Era buono quanto quello "vero".
Cosa mi suggerisci: seitan o soia?
Abbracci a te tanti

@ m.: ti garberebbe! quella è la MIA strapentola meraviglia! Te la porto Giove, if I remember...

cumino ha detto...

Ha proprio una bella faccia! Prossimo fine settimana, domani aperitivo con gli amici, mangiamo tutte porcherie (beh, no, dai, uova ripiene e insalata russa casalinga richiedono una preparazione). :)
Ciao, caro!

Tina ha detto...

Non è possibile...le papille strasudano e ai fornelli sono negata...ho deciso, questa sera parmiggiana ;-))

Bisogna organizzare una trasferta in quel giardino, mi sono letta la ricetta ... ci proverò ;-))

rosa ha detto...

Io direi seitan al naturale, lo preferisco -anche se forse costa un poco di più- ha la stessa consistenza della carne e a differenza della soia richiede meno lavoro basta tritarlo con un normalissimo tritacarne (sai quei trabiccoli manuali?) ed il gioco è fatto, ottieni un trito molto simile alla carne.
Se poi vuoi esagerare ed esaltarne il gusto lo metti in una ciotola con un battuto di aglio salvia e rosmarino ed un filo di olio extra vergine sale e pepe dai una mescolata e lo lasci riposare per una mezz'ora almeno.

Dopodichè procedi come al solito.
Il tempo di cottura è dimezzato e quindi risparmi pure in gas.
Ti nutri benissimo in maniera sana e leggera, il tuo organismo esulta e ringrazia ed esultano e ringraziano anche gli amici anima-li ;-)))
e anche io un po' via...

...e buon appetito!

Abbraccione
Namastè

Sara ha detto...

Insomma mi sono invitata..

il giardino di enzo ha detto...

Sara quando vuoi. Certo che ora ci tocca stare in casa, ma data la breve distanza e il tuo/vostro girottolare, quando vuoi si fa una bella pranzata. Vi aspettiamo!

Tina, vedi sopra. La nostra vicinanza è tale che la distanza è vicina.
Vi aspettiamo!

E accludo in questa mia, tutti gli amici che passano di qua, su tastiera o su strada asfaltata.

Con la buona stagione, inoltre, si potrà fare festa.

Vi voglio bene (e non vi conosco nemmeno!)

il giardino di enzo ha detto...

Rosa, non mangiamo molta carne, abbiamo amici vegetariani con i quali ci facciamo delle gran magnate. Da carnivoro mi sento a disagio ogni tanto.
Non ho ancora risolto, la braciata ce l'ho nel dna.

Carlo ha detto...

Paolo, quella foto è devastante... ogni volta che la guardo, è tutto un gorgoglio di stomaco!

Però, dovevo passare per gli ulteriori richiesti chiarimenti!! Provvederò secondo i tuoi suggerimenti e, poi, ti farò sapere.

Per ora, buona serata a te!!

dautretemp ha detto...

(ambasciator non porta pene :)
Mio padre direbbe che questo non è il vero ragù, direbbe che il vero ragù è quello napoletano, senza sedano e senza carote... direbbe che questa è una variante, dal sapore ben diverso, questo con le carote è quello alla bolognese, ovvero un ragù modificato, direbbe che questo nun è o' rau'!

Ma io, come sai, non ci capisco niente e vi auguro buon appetito...

Dalle8alle5 ha detto...

Io ci metto anche: due foglie di basilico e una, piccola, di alloro.
Poi alla fine, negano di avercela messa altrimenti poi qualcuno protesta dicendo che non gli piace ma se non lo sa non se ne accorge, una spruzzatina di noce moscata.
Ho anche provato a sostituire la salsiccia con la mortadella tritata finissima: non male.

Dalle8alle5 ha detto...

ops: neganDo

Sara ha detto...

Paolo bisognerebbe vedere di fare rientrare un vostro giro da queste parti anche la visita all'anfiteatro.
Mi piacerebbe tanto farvelo vedere. Anche a Max!

Carlo ha detto...

Ciao Paolo, passo per un satuto e per augurarti un sereno fine settimana! Domani... mi cimento ai fornelli, poi ti farò sapere!

il monticiano ha detto...

Possibile che mia madre la quale non metteva salsicce, latte e burro, ci inserisse un pizzico di zucchero?

il giardino di enzo ha detto...

Carlo, fammi sapere com'è venuto!

Aldo, in cucina non esistono regole, io di zucchero ne metto un pizzico nella pomarola.

Salutoni a tuttiddue

Rossa ha detto...

wow splendido Paolo. il bicchiere e mezzo di latte mi mancava.. lo faccio ai miei figli durante le feste di natale, adorano il ragù.
GRAZIE!!

Tina ha detto...

Questo è sadismo, sono l'unica che non ci prova nemmeno, ma a leggere voi tutti ... ho fame ;-))

Hai postato il mercato delle vacche su faccialibro? ;-))

Carlo ha detto...

Ciao Paolo e buon pomeriggio a te! Il latte è stato la "chiave di volta" di un successo di cui non finirò mai di complimentarmi con me stesso... e con te che l'hai suggerito!! Ha conferito una "cremosità" alla salsa, impareggiabile!

Aspetto al varco gli amici, alla prossima occasione... che potrebbe essere una "sorpresa" alla consueta polentata che organizzo di questi tempi!

La salsa che preparo io per la stessa, è fatta con spuntature di maiale, cotte e stracotte (ho scoperto che di dice "sobollire" perché mi ha corretto la "vicina" a cui ho fatto assaggiare il ragu'). Diventa molto densa e ricca di quei pezzettini di carne saporita e morbida.... una spolverata abbondante di parmiggiano e pecorino e, dopo, ti assicuro che gli amici hanno sempre applaudito!

Però, penso proprio che proporrò anche questo ragù come variante al "condimento" della polenta. Secondo me, ci sta perfettamente!

Ma non lo diciamo a Tina (rido)!! Sta cominciando a "smaniare"!!!!

Ciao e buona serata a te!!

cumino ha detto...

Ti stavo pensando, proprio quando sei passato a leggere. Mr Wiggles è un orsetto piuttosto stronzo, sono delle strisci pubblicate su Internazionale, vedi ad esempio: http://carl0z.files.wordpress.com/2007/03/wiggles_01.jpg

un cronista Altrove ha detto...

Domani vengo da te, prima un rifrullo e poi si circola, io però avrò un impegno prima delle sette... morale... prestami un pò dei tuoi sughi che mi sa che il pesce non mi tocca.

per i più curiosi: lasciate stare, questo è un messaggio in codice. Per come cuocere il polpo invece chiedete ad Enzo (ed anche questo è un messaggio in codice).

Abbracci da qui, lì ed Altrove
c.d.a.

parola segreta "pepume"... più in tema di così... secondo me google ci spia.

Alberto ha detto...

Mi è venuta fame!

chechimadrid ha detto...

che godere!! invitami a pranzo una domenica!

Carlo ha detto...

Ciao Paolo! Vengo per augurarti un sereno fine settimana e... per dissentire!

Si, dissento con energia sulla tua definizione del ministro!

Ma non mi esprimo qua, al riguardo! La replica per te, è nel mio blog!

Ho troppo rispetto per questa meraviglia che ancora esponi, per violarla con definizioni maleodoranti!

Un grosso saluto!

il giardino di enzo ha detto...

Benvenuto Chechimadrid, benvenuto virtualmente e, come per tutti gli amici che passano da qui su tastiera, benvenuto se passi da queste parti!
Avvertici però, il ragù richiede un tre ore circa fra tutto.
Buone cose a te

Archivio blog