il giardino di enzo

E' grande, pieno di vita, fiori, alberi, animali, uomini, donne

un luogo vario

venerdì 14 gennaio 2011

a volte basta



Non succede quasi mai nulla, non si vede mai nessuno, troppo presi ognuno sulla propria via, nel suo vento.
Incontri rubati, casuali, sulla porta delle scale, un attimo per un click.
A volte basta.

17 commenti:

Sara ha detto...

Nella prima foto il piccino mi pare un po'perplesso circa chi lo sta fotografando, poi si rilassa.
E'bello fermare il quotidiano, perché è prezioso.
Sara

Tina ha detto...

Non dirmi che è il piccolo Ibra ;-)

E' uno spledore di bambino ;-))

Ciao Paolo

Carlo ha detto...

Ciao Paolo. E questo "piccolino" chi è? Anche lui del "giardino"??

In effetti, sembra quasi una tragica realtà: ci accorgiamo del mondo, solo quando lo "fermiamo" nello scatto di una foto!

Sereno fine settimana a te e ciao!!

il giardino di enzo ha detto...

Sara, Ibra e i suoi genitori fra poco lasceranno il giardino. Di lui avevo solamente una foto e non mi bastava. E' un bimbo dolce e buffo, avrei voluto vederlo crescere ancora un po', mi mancherà.

Tina, è proprio lui, un batuffolo di omino. Vedi sopra.

Carlo, forse ti eri perso un post di un anno fa, probabilmente non ci conoscevamo ancora (http://ilgiardinodienzo.blogspot.com/2010/01/tre-mesi.html).
E' Ibra, un gran bel bimbone, avrei voluto vederlo crescere qui, fra Gina e Max. Fra poco cambierà casa, se non lo ha già fatto.

Sara ha detto...

Oggi sono abbacchiatissima.
Il motivo lo conosci, vero?

il giardino di enzo ha detto...

Certo Sara che lo so.
A noi è toccato di avere speranze e di vedere tutto tritato dal populismo in un batter d'occhio. La coscienza latita e la speranza evapora. Hanno anche brindato per la vittoria. Credo sia la fine, per un po'.
Fare sindacato oggi è fuori luogo, domani chissà. Un sindacato di solo vertice non serve, e la base non c'è più.
Io sono solo incazzato.
Un abbraccio forte.

Carlo ha detto...

Ciao Paolo.

No, all'epoca di quel post che mi hai segnalato, ancora non ci conoscevamo. Me lo sono letto ed hai affermato una cosa in cui io credo molto, relativa a ciò che pensi possano avere i bambini, ovvero "...un'energia sconfinata, in qualche maniera stellare che li protende verso l'Universo..."

Credo molto "nell'energia" che ognuno di noi possiede fin dalla nascita ma che, con l'avanzare degli anni, viene dispersa e trascurata... per correre dietro alle cose inutili della vita! E' ovvio che un bambino ancora non "contaminato" dalla vita, possa esprimerla in tutta la sua forza... che tu sei stato capace di vedere!!

La natura, è un altro palcoscenico sul quale vedere questa "energia" che si manifesta!

Oggi, tuttavia, neanche dedicarmi al "giardinaggio" mi ha provocato sollievo! Siamo ben oltre la "frutta", caro Paolo. Chissà se ne usciremo fuori!!

Buona domenica a te e ciao!

Dalle8alle5 ha detto...

Che peccato non vederlo crescere.
Ma la vita è così, quando porta su percorsi nuovi si devono abbandonare i consueti compagni di viaggio.
La speranza è di farsene presto di nuovi.

il monticiano ha detto...

Tu dici che basta? A volte però.
Un visetto così credo che difficlmente si possa dimenticare.

cumino ha detto...

Ciao, Paolo. Com'è cresciuto Ibra, sono andata a guardare il vechio post che parlava di lui. E poi ho letto i commenti sul referendum a Mirafiori e quante cose mi vengono alla mente, sentimenti contrastanti, rabbia, tristezza, voglia di non rassegnarsi. Il voto degli operai riguarda tutti ed è un momento importante che segna l'erodere dei diritti conquistati da mio padre insieme ad altri padri. La mia impotenza mi fa stare male.

il giardino di enzo ha detto...

@ Dalle8: incrocio le dita, penso con terrore a un eventuale inquilino che magari paga l'affitto alla sub-comandante con regolarità, ma con il quale non ho niente a che spartire.

@Aldo: Ibra non lo perderò certamente, la sua mamma lavora in città e lo troverò da lei.

@ Cumino: Ibra è un bellissimo bimbone, adora fare ciao con tutte e due le mani, fa bu bu a Gina e mi ride sempre.
Per il resto, non riesco ancora a digerire.

La fille bizarre ha detto...

Ci sono rapporti preziosi... restano nella memoria, anche se la vita li soffia via! Ciao, son la Dautre!

il giardino di enzo ha detto...

Dautre, una sorpresa bellissima ritrovarti qui.
Ti abbraccio

Alberto ha detto...

Crescono, crescono nel giardino le piantine. Ciao.

Sara ha detto...

Paolo 4 giorno di fila che mi sbarco a Genova, la luna la vedo riflessa nel golfo del Tigullio.
Domani torno al lavoro "normale".

Carlo ha detto...

Ciao Paolo e buona serata.
Beh... magnifica la canzone di Lolli e... credo proprio che domani andrò a cercare anche questo Albana di Romagna!!

Da quello che ho letto, curiosando nel sito di una casa vinicola, si preannuncia speciale come la canzone!!

Buon fine settimana anche a te, soprattutto sereno!!!

il giardino di enzo ha detto...

Carlo, che "omino" Claudio Lolli, un anarchico puro come l'acqua di sorgente, vero rivoluzionario indomito.
Qui fra poco, forse, nevicherà ancora, ma l'animo è sereno assai.
Abbracci a tutti

Archivio blog