il giardino di enzo

E' grande, pieno di vita, fiori, alberi, animali, uomini, donne

un luogo vario

martedì 25 settembre 2012

obscured by clouds


10 commenti:

Adriano Maini ha detto...

Mi hanno detto, invero, che da voi sta arrivando l'autunno!

il giardino di enzo ha detto...

Caro Adriano, l'estate è lunga ancora in realtà. Oggi, nonostante un forte vento, la temperatura è quasi estiva. Dell'autunno percepiamo la sua voglia di arrivare, qualche foglia ingiallita: aspetto le castagne, ne vado matto :)
Un salutone a te!

Sara ha detto...

Emozioni nelle nuvole! ottima colonna sonora, come al solito sei una garanzia!

il giardino di enzo ha detto...

Amica bella, lo riguardavo ieri sera insieme al Padella (Claudio), lo trovo quasi ben fatto, un po' lunghino, un po' di volata, ma la musica... che musica!
Ed è per la musica che mi sono sempre espresso con i video: obiettivo raggiunto!

Tina ha detto...

Puoi dirlo forte, obiettivo raggiunto;-))

Abbinamento tra spettacolo e musica ineccepibile, fa scordare i 6 minuti di durata ;-))

Buona serata Paolo ;-))

Carlo ha detto...

Me lo torno a guardare anche stasera! Prima di coricarmi, dopo una giornata delle solite, è uno di quegli spettacoli che ti riconciliano con il mondo e, un po, fai pace pure con te stesso!

Ciao Paolo, buon pomeriggio!!!

Francesco ha detto...

eh, parlo per me.... ma lo vedi che schifo siamo noi italiani.... non è vero che è solo una minoranza ad essere infame, credimi....

il giardino di enzo ha detto...

Tina, non sai quanto mi faccia piacere il tuo apprezzamento per la musica!

Carlo, sei un poeta :)

Francesco, non ho detto che è solo una minoranza, anzi penso l'opposto; ci tenevo solamente a porre un distinguo nei miei confronti (e si fa per ruzzare)

Saluti a tutti, ma tanti!

Bill Lee ha detto...

ciao vecchio come stai??

Ho un nuovo amico, dimmi che ne pensi!

http://www.youtube.com/watch?v=juIupw49qe0

il giardino di enzo ha detto...

Caro Bill, come suggerivi mi sto ascoltando questo strappabudella di blues. Non lo conoscevo Roy, e non mi stupisco che abbia suonato con i più grandi.
Il suo blues così tormentato e malinconico immalinconisce con entusiasmo.
Ti vengo a salutare.

Archivio blog