il giardino di enzo

E' grande, pieno di vita, fiori, alberi, animali, uomini, donne

un luogo vario

sabato 24 aprile 2010

invidie mancine


Una delle cose più ganze di vivere così, qui, è stata la totale mancanza di chiavi di casa, nonostante le due porte di accesso.
E' vero che Gina e Max stazionano sempre in zona, ma la loro scarsa efficacia deterrente è prossima allo zero, e se uno vuole entrare basta che abbia un biscotto o venticinque e l'accesso è garantito, gira la maniglia e entra.

E qui il Cronista potrebbe cominciare così:
"Cancello era stato costruito per difendersi dagli intrusi, con ferro buono, la sua stazza era tanta e i quadrelli portanti furono scelti forti e spessi, e già che c'erano avevano forgiato la cima a guisa di lancia, una piramide appuntita.
E Cancello aveva ancora voglia di fare il proprio dovere: usare quelle punte acuminate. Sdraiato su un fianco, aspettava quel momento da anni."

Stamani gliel'ho portato io, il momento.
Mi sono messo di prima mattina a togliere l'erba alta cresciuta sotto quel baluardo ferroso, un lavoro di strappo, l'unico consentito dalla posizione.
Avevo quasi terminato, mancavano pochi ciuffi al termine dell'opera.
Un attimo di distrazione e mi sono ficcato una di quelle lance nell'avambraccio destro. Un buco perfetto nella carne, pochi millimetri di larghezza ma cattivo abbastanza.

Immagino lo sventurato che si cimentava nella scalata di quella barriera appuntita, ai tempi d'oro del cancello. Penso che la prova poteva costargli gli zibidei durante il passaggio del colmo, quando la paura per l'altezza e per quelle spade mirate proprio lì dove è più caro, rende tutto più incerto e tremolante.

Insomma, questo braccio sta attraversando un periodo difficile, fortuna vuole che la chitarra non se ne accorga quasi.

16 commenti:

Dalle8alle5 ha detto...

Cancello ti ha fatto presente che lui c'è, eh! Se poi non lo volete usare per il suo scopo, qualcosa dovrà pur fare.
P.S. ferita da non trascurare, l'antitetanica è d'obbligo in questi casi

leolips ha detto...

Deve essere il giorno del ferro oggi..al lavoro ho dovuto arrampicarmi su pali bucati con chiodi arrugginiti, nel sogno invece guidavo un vecchio van pieno di ruggine...ed ora faccio un giro nel tuo giardino e ci trovo il Cancello...mmh..Rust never Sleep!..è meglio se oltre al Sindacato del Sogno mi faccia un pò di Nello...
A proposito ma quel Comeout che mi dicevi dove lo trovo ?..io conosco solo lo storpiato di Iggy.. C'mooon! (si pronuncia camàààoon!)

il giardino di enzo ha detto...

@ Dalle8alle5: ho pensato subito all'antitetanica, ma era sabato e non avevo nessuna voglia di perdermi la mattinata. Ho ciucciato la ferita, ho sputato il sangue che riuscivo a tirare su e controllato la profondità del buco. In sintesi mi sono detto che fra un mese mi prevengo.
Ciao.

@ Leolips: Comeout era la parolina da inserire e l'ho trovata appropriata al tuo post.
Rust never sleeps, il Nello Giovane più incazzato, bello come sempre, anche se preferisco quello un po' malinconico di Tonight's the night.
A presto

leolips ha detto...

Anch' io anch' io ! ...Times fades away - Tonight' s the Night - On the beach...3 dischi da isola deserta.
Buona giornata Paolo.

un cronista Altrove ha detto...

cancello mi dice di dirti che lui è innocente... che hai fatto tutto te, ti sei autoferito con i suoi spunzoni ed anzi aggiunge che intende chiederti i danni:

a) per avergli tolto la verzura amica sua con la quale da tempo dialogava e che ora gli manca

b) per avere attentato alla sua stessa integrità fisica, conficcando il tuo braccio nelle sue forme

ora la questione lui dice potrebbe risolversi così...

"rimettimi in piedi solitario nel bel mezzo di un prato, che io possa così far da monumento... sotto scriverai... inutilità!"

dedicato a quanti costruiscono barriere e confini dentro/fuori

al limite ci stendi la biancheria o ci appendi i pensieri.

Abbracci altroviani
effe

il giardino di enzo ha detto...

Cronista: quel cancello in ogni caso fu rubato dall'erede, il quale se l'è svignata e lo ha abbandonato al suo destino.
Io voglio bene a Cancello, gli sono stato vicino nei momenti più difficili, ho cercato per lui una sistemazione per anni.
E lui mi ripaga così? Ma in che mondo viviamo?
Su Altrove c'è posto per lui?

Leo, comprai Decade quando uscì, ce l'ho ancora, tre bei dischi volanti che aspettano mi decida prima o poi a comprarmi un piatto: Technics o Lenko? Thorens?
Ora tanto non ho posto.

Tina ha detto...

E dillo che vuoi riposare ;-))

Bill Lee ha detto...

Sta cosa non c'entra niente col post.

'Scolta qua, io ho preso Apostrophe che mi avevi consigliato e in effetti se ti piace Zappa è proprio un bel disco. L'ho ascoltato pochetto perchè ce l'ho da tre giorni però mi prende già bene. Trascinato dall'entusiasmo mi son preso anche il doppio album Guitar.
Gesù cristo lì in mezzo c'è della roba carina ma per la maggior parte del disco non riesco neanche a capire quello che sta succedendo. Che poi tecnicamente sarà sicuramente impressionante però non mi dice proprio nulla.
E' decisamente troppo.
tu che suoni la chitarra avrai sicuramente un parere diverso dal mio ma fingi per un sesondo di non aver mai preso in mano una chitarra.
Secondo te sono un idiota ignorante?

Anonimo ha detto...

macchè hai forse paura di un bucotto sulle mele??
aras

Sara ha detto...

Ehi poi metterai una foto delle rose? Sono molto curiosa!

leolips ha detto...

Thorens!

il giardino di enzo ha detto...

Una serie di risposte:

Tina, si. Essaouira è la mia metà ancora, non so quando.

Bill, non ho Guitar, e non l'avevo mai sentito nominare prima, Zappa ha una discografia infinita. Sono andato ora a cercare e ho visto velocemente. Lo cercherò presto.
Sheik Yerbouti è molto bello.

No Aras, figuriamoci. Non volevo interrompere il godìo per una cosa che forse era da poco. Baci tanti, apprestiamoci.

Sara, ci faccio il prossimo, vedrai.

Oh Leo: Dé, ti sciupi!

Ciao a tutti, piove governo ladro, e di'o po'o.

il giardino di enzo ha detto...

Tina: meta

Saamaya ha detto...

Adoro i luoghi le cui porte non hanno chiavi: aprono la mente e le infinite possibilità.

nua ha detto...

cancello manifesta così il suo affetto. Ti ha abbracciato e ti ha trappassato. Meno male che non voleva colpire il tuo cuore col suo amore.
Ciao :-)

il giardino di enzo ha detto...

Ciao Nua, come sempre hai dato alla storia un colore particolare.
Il mondo ti ringrazia per il tuo affetto.

Archivio blog