il giardino di enzo

E' grande, pieno di vita, fiori, alberi, animali, uomini, donne

un luogo vario

mercoledì 27 agosto 2008

duro a morire (parte seconda)


A volte mi soffermo a pensare alle persone che gravitavano intorno al giardino. Fino a non molti anni fa, diciamo una cinquantina, il giardino di enzo faceva parte di una piccola azienda a carattere familiare, vi si producevano manufatti in cuoio. Inoltre c'era la produzione agricola, frutta, verdura, polli, e tutte le attività contadine di cui ancora si intravedono tracce.

La vite, sapientemente curata, regalava uva e vino. E' una pianta miracolosa, incapace di morire: taglio, decespuglio, piccono, e lei continua la produzione, indifferente, come se mi volesse suggerire che forse il prossimo anno sarà meglio per tutti se, chiedendo consiglio e arte a chi ne sa più di me, provo a recuperare almeno qualche tralcio.

Nella foto (veramente scadente) è evidenziata la nostra produzione annuale, una bella e solitaria pigna di uva nera, buonissima, stasera me la mangio.

3 commenti:

goebels ha detto...

sei il mejo, vai continua cosi!!

il giardino di enzo ha detto...

ma che bel nome da angelo della morte! Ma è un acronimo?

il ciglieri ha detto...

...ne verrebbe un ottimo sorso di vino.....
:)
tieffe.

Archivio blog